Bleus

Fumata nera: Blanc lascia i Galletti

I tempi supplementari sono finiti. Niente calci di rigore. Laurent Blanc ha deciso: non sarà più l’allenatore della Francia. Il primo colloquio con il presidente della federcalcio La Graet era avvenuto giovedì scorso, ma la decisione definitiva fu posticipata nel week end. Quarantotto ore, avevano detto. E così è stato. Blanc ha riflettuto, pensato e capito che il ruolo di selezionatore non faceva più per lui. Una scelta che, onestamente, fa storcere non poco il naso.

Tanti dubbi, poche certezze: Blanc saluta la compagnia

L’ormai ex ct dei Bleus aveva anche raggiunto l’obiettivo prefissato di passare il primo turno. Addirittura 23 le partite senza sconfitte, prima del doppio capitombolo con Svezia e Spagna che ha messo in evidenza tutte le crepe di una squadra fragile come una bolla di sapone. Blanc non ha retto: troppi problemi, troppe pressioni e poca serenità per lavorare. Lasciare l’incarico la scelta più ovvia.

Ma non per noi. Ci aspettavamo un Blanc con più carattere, con la convinzione di portare a termine quello che aveva iniziato nemmeno due anni fa (nel luglio del 2010). Invece il buon Laurent se n’è un pizzichino lavato le mani. Avrà pensato: “Ma chi me lo fa fare?”.  Ed effettivamente non gli diamo tutti i torti, ma un allenatore del suo calibro non avrebbe dovuto gettare così la spugna. Peccato. Adesso sotto a chi tocca. Deschamps?

 

Annunci

One thought on “Fumata nera: Blanc lascia i Galletti

  1. Si,credo toccherà a Deschamps,che se ne sta scappando da Marsiglia e questa è una fuga più che giustificata dato il casino che c’è lì,anzi se fate un approfondimento sarbbe interessante dato che lunedì partono diversi raduni(fra cui PSG e lo stesso Marsiglia che però inizierà senza allenatore).
    Blanc secondo me è più un allenatore da club,il gioco che praticava a Bordeaux non era trasferibile alla nazionale composta da tanti giocatori di squadre diverse e purtroppo anche di campionati diversi.
    La prima cosa che i francesi devono capire è che fino a quando avranno i loro giocatori sparpagliati per l’Europa sarà molto più difficile fare una nazionale con un’identità di gioco chiara.Occorre avere nella Ligue1 1-2 squadre che fungano da ossatura per la nazionale,poi si possono inserire gli altri.
    Perchè o sei fortunato a becchi la generazione dei supercampioni del 1998 oppure così dare un gioco alla nazionale è impssibile.
    Auguri a Deschamps,è bravo,forse più adatto di Blanc al ruolo di CT perchè predilige un gioco meno elaborato ma il problema della Ligue1 che ho ciato,resta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...